Ilaria Katerinov: I Doni della morte in italiano - 1: Il titolo

Con colpevole ritardo, inizio ad aggiornare online i Lucchetti, come vi avevo promesso.

Al via l’aggiornamento di Lucchetti babbani e medaglioni magici

Nei prossimi tempi troverete su questo sito alcuni appunti in ordine sparso, osservazioni sulla traduzione di alcune parole, nomi o dialoghi che compaiono nel settimo libro. Sapete infatti che i Lucchetti sono usciti a novembre dell’anno scorso, cioè due mesi prima che vedesse (finalmente!) la luce l’edizione Salani del settimo libro. Lucchetti babbani è quindi un libro assolutamente spoiler-free, e l’idea era quella di aggiornarlo in un secondo momento, dapprima qui sul mio sito e poi magari con una seconda edizione del libro a stampa.

Quindi non aspettatevi, da questa rubrica, una trattazione coerente. Aspettatevi invece i miei appunti di lettura, conditi con osservazioni interessanti che ho trovato sui vari forum dove i fan, in questi mesi, hanno discusso le scelte della Salani.

Doni o reliquie?

In questa prima puntata partiamo, naturalmente, dal titolo del romanzo. Come ricorderete, quando fu annunciato il titolo inglese, qualche mese prima dell’uscita, tutti quanti corremmo a sfogliare i dizionari per capire cosa fossero questi benedetti “Hallows“. E quando dico tutti, intendo anche gli inglesi e gli americani. Il termine è raro, desueto, e poteva voler dire “oggetti sacri”, “santuari”, “reliquie” o addirittura riferirsi a persone ammantate di una qualche santità o sacralità. In pratica, nessuno ci capiva niente.

Qualche tempo dopo, la Rowling, consapevole della difficoltà di tradurre nelle altre lingue il titolo “Deathly Hallows”, ha deciso di fornire un titolo alternativo su cui le case editrici estere potessero basarsi: il titolo era Harry Potter and the Relics of Death, cioè, alla lettera, “Harry Potter e le Reliquie della Morte”.

Quando poi l’editore francese Gallimard ha reso noto che in quella lingua il titolo sarebbe stato Harry Potter et les Reliques de la Mort, a noi italiani è parso scontato che la Salani avrebbe scelto “Reliquie della Morte”.

E invece no. Il titolo definitivo scelto dalla Salani, quello poi stampato sulla copertina del libro che è uscito a gennaio, è Harry Potter e i doni della morte. In molti hanno criticato questa scelta, sostenendo che “doni” è parola banale, che non rende affatto il carattere di mistero e sacralità di cui è intriso il termine “hallows”.

La mia opinione? E’ un peccato che si sia perso quel carattere di mistero, ma secondo me la Salani ha fatto la scelta giusta. Sia in relazione al significato che il termine assume nella trama del libro, sia più in generale per quanto attiene al campo semantico del termine “reliquia”.

E’ un peccato che si sia perso quel carattere di mistero, ma secondo me la Salani ha fatto la scelta giusta.

Quando infatti leggiamo la storia dei tre fratelli, capiamo che la Morte non lascia loro delle “reliquie” di se stessa, bensì offre loro dei regali, dei doni appunto.

Inoltre, il termine “reliquia” ha, nella nostra lingua, una connotazione decisamente religiosa, e in particolare cattolica – nel protestantesimo, e nell’anglicanesimo, non esiste il culto delle reliquie dei santi che è invece tipico della Chiesa di Roma. A me pare, dalla lettura del libro, che quell’accezione sia poco coerente con il brano dei tre fratelli. Certo, in altri punti del libro la Rowling richiama tematiche bibliche o addirittura cita testualmente brani del Vangelo; ma non qui.

Sarebbe stato possibile trovare un compromesso, una parola più rara di “doni” e più vicina al concetto di “hallows”? E che fosse priva di quelle connotazioni religiose? A me non è venuto in mente nulla in questi mesi. Per vari motivi avrei scartato “regali” (banale quanto “doni”) e “pegni” (un pegno è qualcosa che dai per poi riaverlo indietro).

Ricapitolando

“Doni” è la traduzione più affine al senso della parola nel contesto della trama. Non vedo alternative. “Reliquie” sarebbe stato molto più fuorviante, perché questi oggetti non hanno nulla di religioso. L’unico potenziale problema è che “doni” è un termine troppo comune, non ha la ricercatezza e la vetustà di un “hallows” (anziché “gifts”). Ma siccome l’italiano dispone di un vocabolario pari alla metà di quello inglese, trovare un sinonimo di “doni” abbastanza arcaico non era facile: a me non ne è venuto in mente nessuno.

E voi? come avreste tradotto “deathly hallows”?



all posts



2011
maggio
25Potterologia: due appuntamenti live e il primo concorso
9Potterologia: dieci saggi rileggono la creazione di J.K. Rowling…


2008
maggio
22Trascrizione della chat sui Lucchetti Babbani
4Intervista per Zai.net
aprile
27I Doni della morte in italiano - 1: Il titolo
15In chat con la Guida Harry Potter e i Lucchetti babbani
marzo
27La recensione di una traduttrice
12Recensione di Giampaolo Rai per Fantascienza.com
febbraio
19Si parla dei Lucchetti… sul blog di Suzukimaruti
14Recensione su Il contabile dell’ombra
gennaio
10Recensione di Marina Lenti per FantasyMagazine
7Lucchetti babbani alla Mondadori di Milano: il video!
6Altre foto dalla serata Harry Potter in Mondadori
6Serata Harry Potter in Mondadori a Milano: le prime foto


2007
dicembre
19Intervista per la Guida HP di Supereva
17Articolo su Wings of Magic
15Segnalazione su FantasyMagazine
6Parlano dei Lucchetti su… Lumos
5Segnalazione su Fantascienza.com
novembre
27Recensione Guida HP di SuperEva
23Segnalazione su HarryPotterItalia
22Segnalazione dei Lucchetti su BadTaste
19Parlano dei Lucchetti su… Way of Escape
19Un brano da Lucchetti babbani e medaglioni magici

subscribe